Un travolgente Mario Pirovano al teatro Dario Fo di Camponogara. Mattatore per quasi tre ore di spettacolo, ha riempito il piccolo teatro di risate e ricordi con un Mistero Buffo 50 di nuovo allestimento, proposto dall’attore con la Compagnia teatrale Fo Rame per celebrare i cinquant’anni dal debutto dell’opera che, sempre nell’occhio del ciclone, cambiò il teatro italiano.
Impreziosite dalla potente gestualità del Pirovano, in scena una sequenza di giullarate. A sorpresa riproposta anche la Nascita di un giullare – mai più messa in scena da Dario Fo dopo il 1973 – e, in chiusura, l’esilarante Primo miracolo di Gesù bambino. «Non sapevo che avrei fatto l’attore spiega Pirovano -, consideravo il teatro noioso. Avevo 33 anni, era l’83, incontrai Fo e Rame in scena a Londra, dove vivevo. Rividi Mistero Buffo tutte le sere per un mese, il teatro era divertimento e cultura, così iniziò tutta la mia avventura».
Continua a leggere su Il Gazzettino…